“Harry Potter e il prigioniero di Azkaban”- J.K. Rowling

harry-potter-e-il-prigioniero-di-azkaban-jpg-3

Eccoci, miei cari lettori alla terza recensione sulla saga di Harry Potter. Questa volta tocca al terzo volume: Harry Potter e il prigioniero di Azkaban. Presentiamo la trama. 

Dopo un’altra estate a casa degli zii e la visita dell’insopportabile zia Marge, Harry decide di scappare di notte e sale sul Nottetempo, autobus magico a tre piani che lo conduce velocemente al Paiolo Magico. Lì sarà raggiunto dai suoi ormai fedeli amici Ron ed Hermione e farà un importante scoperta. Dalla Gazzetta del Profeta, egli scopre che dalla prigione di Azkaban è evaso un pericoloso criminale di nome Sirius Black. Successivamente tramite una discussione con il signor Weasley, Harry apprenderà la notizia che Sirius Black è evaso per cercare lui. Durante il viaggio per Hogwarts, il giovane mago condivide la notizia con i suoi amici ma ad un tratto il treno viene improvvisamente fermato da un’entità oscura, una creatura altissima avvolta in un lungo mantello nero. Essa verrà fermata dal professor Remus Lupin, il nuovo insegnante di Difesa contro le Arti Oscure che spiegherà ai ragazzi (dopo lo svenimento di Harry) che tale creatura prende il nome di Dissennatore (guardia della prigione di Azkaban e che ora circondavano Hogwarts alla ricerca di Black). In un vortice di nuove creature, incantesimi e nuove verità Harry e i suoi amici sono pronti a vivere una nuova fantastica avventura. 

harry-potter-e-il-prigioniero-di-azkaban-jpg-2

Il terzo volume della Rowling è composto da 22 capitoli e nella versione italiana presenta le illustrazioni di Serena Righietti edita Salani Editore. Rispetto ai romanzi precedenti l’atmosfera di spensieratezza viene sforzata ancor di più da tematiche oscure come la perdita e la morte. Sia nelle lezioni di Divinazione con la lettura delle foglie di thè, sia con la figura dei Dissennatori, ciò viene accentuato. Inoltre, nel romanzo vengono citati nuovi personaggi, oggetti e i luoghi non presenti nei due precedenti. Abbiamo come personaggi

  • Sirius Black, evaso da Azkaban, padrino di Harry, è un Animagus: si trasforma in un cane.
  • James Potter, padre di Harry, anche lui Animagus: si trasforma in cervo.
  • Remus Lupin, insegnante di Difesa contro le Arti Oscure, è un lupo mannaro.
  • Peter Minus, Animagus: si trasforma in topo, nel caso particolare Crosta, animale domestico di Ron Weasley.
  • Cedric Diggory, cercatore di Tassorosso.
  • Cho Chang, cercatrice di Corvonero. 
  • Fierobecco è un ippogrifo, portato a lezione da Rubeus Hagrid.
  • I Dissennatori sono i carcerieri di Azkaban: il loro bacio succhia via l’anima.
  • Stan Picchetto, bigliettaio del Nottetempo.
  • Sibilla Cooman, insegnante di Divinazione di Hogwarts.

gifgifgifgifgif

Gli oggetti, invece:

  • Nottetempo è il mezzo di trasporto per maghi e streghe in difficoltà. È un pullman a tre piani, di notte è arredato con una serie di letti, di giorno con sedie. Per utilizzarlo basta estrarre la bacchetta, puntarla verso la strada e il Nottetempo comparirà.
  • Giratempo è uno strumento che permette di tornare indietro nel tempo. È estremamente pericoloso, e il suo utilizzo è concesso solo dal Ministero della Magia al quale Hermione si era appositamente rivolta.
  • La mappa del malandrino, creata da James Potter, Sirius Black, Peter Minus e Remus Lupin, quando erano studenti. Mostra tutte le persone presenti nel complesso della scuola, anche quelle trasfigurate, e tutti i sette passaggi segreti. 
  • La firebolt, manico di scopa di legno di frassino. È stata prodotta nel 1993, era la scopa più veloce sul mercato

Ed infine, i luoghi

  • Hogsmeade è un villaggio di soli maghi. Agli studenti di Hogwarts è permesso visitarlo dal terzo anno in su con il permesso dei genitori o tutori legali.
  • Azkaban è la prigione dei maghi dove sono rinchiusi i sostenitori di Lord Voldemort e, in generale, i maghi fuorilegge. I guardiani sono i Dissennatori, esseri malvagi che si nutrono delle sensazioni e dei ricordi felici delle persone.

La voce di un bambino, per quanto onesta e sincera, è insignificante per chi ha dimenticato come ascoltare. Cosa misteriosa il tempo: potente e, quando ci s’intromette, pericolosa. Sirius Black è nella cella in cima alla torre oscura. Conosci la legge, signorina Granger, non dovete essere visti. E fareste bene, secondo me, a tornare prima dell’ultimo rintocco, altrimenti le conseguenze saranno troppo devastanti per parlarne. Se stanotte avrete successo, più di una vita innocente verrà salvata. Tre giri dovrebbero bastare! Oh, a proposito, quando si è in dubbio, trovo che tornare sui propri passi sia un modo saggio di cominciare!

harry-potter-e-il-prigioniero-di-azkaban

Ad oggi, senza aver letto ancora i successivi, il terzo è quello che mi ha colpito di più. L’ho letto tutto d’un fiato. La scrittura è scorrevole e la storia appassiona pagina dopo pagina. I nuovi personaggi introdotti come Sirius Black e il professor Lupin destano curiosità sin dalle primissime pagine. Il capitolo 12 e quelli finali sono di gran lunga i miei preferiti perché vi è racchiusa l’essenza dell’intero romanzo. Ho apprezzato molto il piccolo spiraglio aperto verso il passato di James Potter, si incomincia a far luce sul passato di Harry e sull’uccisione dei suoi genitori. Incantevole anche la parte dove viene introdotto il concetto di Patronus e come esso sia fondamentale nella lotta contro i Dissennatori. Le tematiche dell’amicizia, lealtà e verità sono ancor più presenti in questo romanzo non soltanto in riferimento ad Harry ma anche per casi minori (ad esempio nel caso di Fierobecco).

“La felicità la si può trovare anche negli attimi più tenebrosi, se solo uno si ricorda… di accendere la luce”.

Harry Potter e il prigioniero di Azkaban (1).jpg

Nel 2004 viene realizzata la versione cinematografica e vi sono due cambiamenti fondamentali: il regista, stavolta, è Alfonso Cuaròn (conosciuto per Gravity con Sandra Bullock e Paradiso Perduto con Gwyneth Paltrow) e l’attore che interpreta Silente non è più Richard Harris (scomparso nel 2002) bensì Michael Gambon. Tutto sommato il regista ha cercato di mantenere intatta la storia, tuttavia a mio parere il lavoro messo in atto da Chris Columbus (per fedeltà) è stato migliore. Rivedendo il film mi sono rammaricata per la mancanza di alcune scene, tra cui quella finale della lettera di Sirius Black e della spiegazione dei storia della Mappa del Malandrino e ciò che c’era dietro. A fini della storia, credo che sia stata una grande mancanza essendo due parti importanti nella vicenda di Harry. Ciò nonostante sia il film che il libro ad oggi rimangono tra i miei prediletti. Effettuando il solito confronto tra libro e film, ne emergono alcune differenze sostanziali.

  • All’inizio del film Harry sta leggendo nella sua stanza un libro tramite l’incantesimo Lumos, il che non dovrebbe essere possibile poiché ai maghi minorenni non è permesso fare magie fuori dalla scuola visto che hanno addosso la Traccia. Nel libro, infatti, Harry usa solo una pila;
  • Quando nel libro Harry arriva al Paiolo Magico, Caramell lo invita ad andare a Diagon Alley per acquistare tutto il materiale scolastico di cui ha bisogno ed è lì che incontra Ron e Hermione, la quale compra un gatto. Nella pellicola, invece, il Ministro ha già provveduto a comprare tutti i libri per Harry che quindi non si reca mai a Diagon Alley, ma incontra Ron e Hermione alla mensa del Paiolo Magico;
  • Le scene del libro in cui Sirius Black si infiltra nel dormitorio maschile dei Grifondoro e sembra che cerchi di colpire Ron con un coltello e la sostituzione della tela della Signora Grassa (per un restauro) con quella di Sir Cadogan sul quadro per l’accesso alla sala comune dei Grifondoro sono state tagliate nella versione cinematografica;
  • Compaiono in due occasioni (sul Nottetempo e ai Tre Manici di Scopa) delle testoline parlanti che nel libro non figurano ( e che ho trovato particolarmente inutili);
  • Nel film Harry legge sulla Mappa del Malandrino il nome di Peter Minus e lo cerca per i corridoi del castello senza trovarlo, ma nel libro questa scena è assente. È infatti Lupin a leggerlo, pertanto Harry non sa che Minus è ancora vivo fino a quando non lo vede nella Stamberga Strillante;
  • La Firebolt compare solo alla fine del film, mentre nel libro Harry la riceve come regalo di Natale; viene quindi del tutto omessa la vicenda in cui, sospettando che il regalo della scopa sia una mossa subdola di Sirius Black per far del male a Harry;
  • Nel film vengono eliminati tutti gli avvicendamenti che portano alla prima vittoria, dopo molti anni, della coppa di Quidditch dei Grifondoro grazie ad Harry;
  • Sono stati omessi tutti i litigi tra Harry e Ron con Hermione. Nel film ci si riferisce alla sparizione del topo con un abbozzo di litigio tra Ron e Hermione;
  • Quando Harry e Hermione entrano nel tunnel che porta alla Stamberga Strillante, non vengono trascinati dentro dall’albero ancora in movimento, ma Grattastinchi tocca un ramo che lo blocca, e così per Piton e Lupin, che usano invece l’incantesimo Immobilus nel film;
  • Grattastinchi ha un ruolo marginale rispetto al libro, dove diventa alleato di Sirius. Grazie al gatto, infatti, Sirius riesce a recapitare la Firebolt per Harry il giorno di Natale, e riesce ad entrare nel dormitorio di Grifondoro di notte con la parola d’ordine;
  • La scena della Stamberga Strillante è stata notevolmente ridotta rispetto alla versione cartacea: mancano infatti la spiegazione della genesi della Mappa del Malandrino, le identità dietro le quali si celano Ramoso, Lunastorta, Felpato e Codaliscia, diverse delucidazioni sul passato di Lupin (l’amicizia che c’era tra lui, Peter Minus, Sirius Black e James Potter), il motivo per il quale Sirius e Minus siano Animagi e il fatto che lo fosse anche James;
  • La motivazione del cervo come Patronus;
  • Dopo la scena della Stamberga Strillante, Severus Piton si riprende dallo svenimento cercando di proteggere Harry, Ron e Hermione da Lupin trasformato in lupo mannaro, mentre nel libro Piton si risveglia molto dopo e non assiste alla trasformazione di Lupin;
  • Durante l’attacco dei Dissennatori vicino al Lago Nero, assieme a Sirius e Harry non c’è Hermione, che nel libro è presente;
  • Quando Hermione e Harry tornano indietro nel tempo, Ron è sveglio, mentre nel libro dorme nel letto dell’infermeria e non si accorge di nulla;
  • Nel libro, al ritorno di Harry e Hermione nel presente, Silente chiede se siano riusciti nell’impresa, mentre nel film finge di non sapere nulla al riguardo andando via salutandoli, sorridendo. Inoltre Harry viene a sapere delle dimissioni di Lupin da Hagrid, e per questo si reca dal professore per parlargli; pochi minuti dopo arriva Silente e gran parte del dialogo che nel film si svolge tra Lupin e Harry, nel libro è solo tra quest’ultimo e il preside;
  • Nel libro Sirius spedisce una lettera a Harry mentre è sul treno di ritorno. Il gufo che l’ha portata è un regalo di Sirius per Ron come scusa per avergli sottratto il topo (cioè Peter Minus). Inoltre, Sirius firma il permesso per Harry di andare ad Hogsmeade, in quanto tutore legittimo del ragazzo e suo padrino. Nel film queste scene non sono presenti;
  • Nella versione cartacea Cho Chang e Cedric Diggory, i due cercatori rispettivamente di Corvonero e Tassorosso, vengono introdotti già a partire da questo capitolo, mentre in quella cinematografica compariranno solo a partire dal quarto.

Hermione_e_Harry_GiraTempo.jpg

Non mi resta adesso che continuare la lettura di questa favolosa saga che a dispetto delle mie aspettative mi sta prendendo più del dovuto. Ciò conferma che la storia di Harry Potter non è una lettura per ragazzini ma che andando sempre più avanti per le tematiche trattate viene compresa più da un pubblico più adulto. Lasciatevi anche voi trasportare da questa magica avventura, non ve ne pentirete. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...