“La biblioteca sull’oceano”- Ashley Hay

“M’ama, non m’ama, m’ama, m’ama, non m’ama. E’ uno sciocco gioco di desiderio, ma forse c’è più gioia nell’amare qualcuno che nell’essere amati”.

Il libro di Ashley Hay edito Sperling & Kupfer è stato una grande sorpresa per me. Innanzitutto, perché mi è arrivato senza che io me lo aspettassi così di botto e secondariamente, perché è davvero struggente.

la-biblioteca-sulloceano

La storia è ambientata in una piccola città che si affaccia sull’oceano, dove una famiglia si è andata a trasferire lì. Dopo un paio di anni, la donna Ani, subisce una grande perdita, si ritrova da sola a crescere la sua piccola Isabel e quindi, le viene affidato l’incarico di bibliotecaria. Si trova, subito a suo agio in quel luogo, memore del suo primo ingresso in una biblioteca mai visitata: una sala meravigliosa, piena di volumi e volumi di libri che racchiudono storie da leggere e vivere. Cerca, tra i libri le risposte alla sua vita che inesorabilmente stava scorrendo tra le giornate al lavoro e le visite di nuove persone tra cui spiccava la presenza di Roy, un poeta, ex combattente di guerra e del dottore Draper.

“E’ una situazione che crea ansia, quando non sai se hai dimenticato qualcosa o se non l’hai mai vissuta”

la-biblioteca-sulloceano-jpg-3

Lo stile del romanzo è molto delicato e nonostante la presenza di tematiche come guerra, morte e dolore, il libro non risulta angosciante o pesante. Anzi, la presenza di una donna forte come Ani rende tutto molto piacevole ed interessante. Ani è una persona smarrita che si ritrova a crescere la sua piccola ed intelligente figlia da sola ma è in questa solitudine che comprende che intorno a sé, ci sono molte persone pronte ad aiutarla. Tramite, queste persone non solo riscopre aneddoti passati legati alla persona perduta (“Mi sento come un pò come un’accattona che va in cerca di frammenti di una persona di cui credeva di sapere tutto“) ma riscopre la sua passione per i libri. L’incarico da bibliotecaria per lei arriva al momento giusto. L’autrice lascia trasparire una nota di speranza, di ripresa della giovane donna grazie al potere della lettura e scrittura. Da sempre, sono concorde nell’affermare che i libri sono un potente mezzo per vivere le proprie emozioni o un buon luogo dove rifugiarsi se si sta soffrendo. C’è un’pò di magia in questo libro perché esalta la possibilità di rispecchiarsi nelle storie lette nei romanzi e il desiderio di descrivere la bellezza dei paesaggi. Il mare, la sabbia, le conchiglie tutti elementi che richiamano il mare e che mi ha donato una profonda calma. Per questo ad un certo punto, ho sentito il bisogno di abbandonare tutto e andare al mare per ritrovare un pò di pace che avevo trovato già in queste pagine. In fondo, come dice uno dei protagonisti ad un tratto nel libro tutti vogliamo esser salvati o cerchiamo un appiglio per rimanere in pace: La sensazione di farsi trasportar sani e salvi alla meta. Non è quello che vogliono tutti, o quasi?

la-biblioteca-sulloceano-jpg-2

“Il tempo passa e le ferite si rimarginano, ma la guarigione è una cosa diversa… e spesso, credo, non ci si può aspettare di guarire completamente”.

Il personaggio di Roy è molto intrigante, un uomo misterioso, turbato dalla guerra e dalla meraviglia di quella donna e del paesaggio che si trova davanti. Ma, come tutti gli uomini che sono stati in guerra, ne rimane segnato e si è portato dietro fantasmi da cui non riesce a separarsi. La stessa fine del romanzo mi ha lasciato perplessa, perché ti lascia un pò d’amaro in bocca (se si è un’inguaribile romantica) ma, ahimè era il finale più adatto. E’ un libro basato sul riscatto, sulla speranza, sulla ricerca di salvezza tramite il potere salvifico della letteratura.Una storia di ritorno alla vita, che colpisce il lettore sin dalle prime pagine con la speranza che il tempo per Ani possa tornare a scorrere con nuovi sentimenti e una ritrovata pace. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...