“Bracbah. Il ritorno dei demoni”- Daniele Donisi.

Titolo: Bracbath. Il ritorno dei demoni.
Autore: Daniele Donisi
Pagine: 203
Anno: 2014
Editore: Daniele Donisi

Cause you’re a sky
you’re a sky full of stars
such a heavenly view
you’re such a heavenly view
Coldplay, A sky full of stars

Bracbah - Il ritorno dei demoni amazon 92.jpg

Anche oggi, sul mio blog darò spazio ad un’opera di un autore emergente. Il libro si intitola Bracbah, il ritorno dei demoni, esso è un libro di fantasia con nomi, luoghi ed avvenimenti che sono frutto dell’immaginazione dell’autore. La narrazione si apre con un excursus che riguarda Bracbah e il mistero che aleggia intorno ad essa per arrivare alla scelta del nuovo prescelto. Da qui, si susseguono le vicende che vedranno il progresso e il cammino intrapreso da Daniel, il giovane mezzo-elfo, scelto per salvare la città e compiere una missione pericolosa che metterà a dura prova la sua capacità di auto controllo. Come apprendiamo dall’incipit della storia:

La leggenda che sto per raccontarti prende avvio da una storia molto lontana
nel tempo, quando gli spiriti di Bracbah decisero che era giunto il momento di far nascere un nuovo prescelto. Erano passati circa mille anni dalla grande fuga degli umani dall’isola di Rohat verso le terre ferme; tempo in cui l’ultimo prescelto decise di sacrificare la sua vita per il bene di tutti gli esseri viventi. Le Terre ferme di Bracbah erano caratterizzate dalla presenza di tre razze: gli elfi, i giganti e i nani; ogni villaggio aveva le proprie caratteristiche ed erano in armonia tra loro, non avevano confini, non avevano rivalità o sentimenti d’odio, non avevano sete di potere e non usavano mai la magia…

Tuttavia, Bracbah ha una sorta di maledizione: ogni mille anni c’è sempre il rischio di una catastrofe che possa portare il pianeta a distruggersi. L’equilibrio tra bene e male è sempre in bilico e nel momento in cui si viene a spezzare solo l’eletto potrà riportare pace ed armonia. Accanto a lui vi faranno diversi personaggi di spicco che lo aiuteranno a compiere il suo destino ma la missione si rivelerà tutt’altro che semplice. 

Lo stile utilizzato da Daniele Donisi segue pedissequamente quello degli altri autori fantasy che ho letto, ovvero la narrazione è intrisa di vicende piene di colpi di scena. Al romanzo non manca nulla, vi è la presenza di elfi, maghi e demoni pronti a combattere l’uno contro l’altro nella lotta tra il bene e il male. Vi è la presenza di un prescelto che verrà a conoscenza solo più avanti non solo delle sue vere origini ma anche della missione a cui è chiamato a rispondere. Daniel ricorda molto i tipici eroi dei libri di fantasia per le sue doti innate quali coraggio, forza di volontà e caparbietà. Al margine vi è anche una storia d’amore ma sono contenta che il libro si concentri più sulla tematica principale. Il nostro eroe si troverà a doversi confrontare non solo con demoni di grande spessore ma anche con sè stesso, perché la sua capacità di controllo sarà messa a dura prova dai nemici e dagli allenamenti fuori e dentro il palazzo reale. Tuttavia, egli non si farà abbattere e come un vero eroe è sempre pronto a partire e combattere per sè e la sua città. Accanto a sè il fedele e coraggioso fratello Alex che gli sarà di grande aiuto in questo particolare periodo di cambiamento e di lotta. 

Il racconto di Donisi mi ha colpito sin da subito sia per la presenza all’interno del libro di alcuni disegni che ritraevano scritture particolari sia, e soprattutto, per il modo in cui ha raccontato la storia. Nonostante vi siano punti dove mi sono persa perché per i personaggi da ricordare sono tanti e la narrazione corre un pò troppo veloce, il libro si presenta come un’opera completa e piacevole. Mi ha riportato alla memoria un libro di un altro emergente che recensì tempo fa, questo perché entrambi alla base hanno posto l’importanza della lotta tra il bene e il male e messo il destino nelle mani di un solo uomo. C’è da dire che Donisi è stato bravo nell’inventare non solo una storia con così tanti colpi di scena ma anche per la sua cultura nel campo fantascientifico. Inoltre, i dialoghi tra i personaggi sono stati selezionati e scritti in maniera dettagliata e minuziosa, non lasciando nulla a caso, per quanto riguarda le parole prese dal campo fantasy. Spero che anche voi piacerà il suo libro, sono sicura che ne apprezzerete la trama e anche la particolarità e ricchezza dei dettagli di fantasia.

Di seguito vi riporto l’intervista fatta all’autore:

Grazie Daniele del tuo tempo e per avermi proposto di recensire la tua opera.

Buona serata.

1) Da dove è nata l’idea di questo romanzo? E come mai proprio il genere fantasy?
Sono appassionato di fantasy e fin da piccolo ho sempre perso le ore a fantasticare con la mente. Quindi, un giorno, mi sono detto perché non scriverle tutte le fantasie che immagino? Ed è così che ho iniziato a scrivere. Mi rilassa scrivere. In alcuni momenti farlo mi aiuta accantonare o attenuare tutti i pensieri colmi di problemi

2) Ti sei ispirato a qualche altro romanzo, a letture fatte in passato?

Mi sono ispirato alla saga di Shannara di Brooks, ma anche i libri di Tolkien e alla saga dei nani di Heitz Markus.
 
3) Come mai la scelta del nome Bracbah? 
Intendi come titolo del libro? Beh le prime versioni hanno avuto tanti nomi soprattutto legati ai nomi dei personaggi, ma nessuno di questi mi convinceva veramente. Poi un giorno ho deciso di puntare su Bracbah, che è il nome del pianeta su cui si svolge e deve essere salvato dalla furia del male 

4) Ti rivedi in qualche personaggio? Quanto c’è di te in questo romanzo?

Mi rivedo in quasi tutti i personaggi, perché in ognuno di loro c’è una parte di me e del mio carattere. Possiamo dire che c’è anche una parte delle mia vita quotidiana e dei miei affetti.

5) Avevi già pensato ad un seguito mentre ultimavi il primo volume? Ve ne saranno di altri?

Inizialmente Bracbah doveva essere un lungo e unico romanzo, ma poi nello scrivere la storia stessa si è evoluta e attualmente il progetto è composto da sei libri, forse anche sette di cui cinque che seguono il percorso della storia originale e gli altri due sono dei prequel del “il ritorno dei denomi”
6) Credi nel campo del soprannaturale o è solo frutto della tua immaginazione?

Diciamo che al momento è tutto frutto della mia immaginazione, ma vorrei crederci all’esistenza della magia

7) Progetti futuri?

Diventare famoso, va bene? Diciamo che nel piccolo vorrei scrivere un giallo nella mia vita privata voglio mettere su famiglie e avere una continuità lavorativa stabile.
Grazie della tua attenzione, ci risentiamo per la recensione del seguito.

 

Annunci

Una risposta a "“Bracbah. Il ritorno dei demoni”- Daniele Donisi."

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...