“Variazioni sulle sorelle”- Marina Giovannelli

Titolo: Variazioni sulle sorelle.
Autore: Marina Giovannelli
Pagine: 106
Anno: 2017
Editore: Iacobelli Edizioni

Alzi la mano, chi non si è mai lamentato del rapporto con la propria sorella o non ne abbia discusso le dinamiche con le persone più care. In questo breve ed intenso saggio di Marina Giovanelli si cerca di delineare quelli che sono i rapporti tra le sorelle del mondo della letteratura più famose. Con ciò si dona al lettore uno spunto per riflettere sul rapporto di sorellanza e sulla propria personale esperienza di sorella.

Lo stile dell’opera della Giovanelli segue pedissequamente il ritmo e le modalità utilizzate nei saggi letti in passato. Difatti, ella in un saggio di appena 106 pagine riesce a delineare in poche parole i rapporti tra le sorelle di ieri per far riflettere sui rapporti di oggi. Ella cita le sorelle Alcott, si rifà agli scritti di Angela Carter e cita persino il rapporto di sorellanza tra la Wolff e la sorella Vanessa Bell. Tutto ciò ha lo scopo di far comprendere come certi esempi nel mondo della letteratura, possono in qualche modo aver influenzato con le loro vicende e storie i rapporti di oggi. Come ci ha fatto notare la Giovanelli, alcune scrittrici hanno proiettato la loro condizione familiare nei loro scritti e ciò comporta che il lettore leggendo l’opera possa essersi rispecchiato in uno dei personaggi del rapporto.  Tale rispecchiamento porterebbe il lettore ad essere vicino con il cuore e la mente ad un rapporto di sorellanza già esistente e quindi, inconsapevolmente a farsi influenzare. Questo, perché molto spesso il rapporto tra sorelle è abbastanza complesso sia da vivere, sia da spiegare. Ragion per cui si cerca nelle parole altrui un modo per spiegare il proprio. Il rapporto tra sorelle che si consuma tra le mura domestiche, spesso, è di tipo idilliaco perché senza farlo apposta a volte si possono creare antipatie o rivalità che non esplicitamente vengono alimentate dagli stessi genitori. C’è anche da dire che come diceva Simone De Beavouir all’inizio dell’opera, i genitori possono manifestare anche preferenze nei confronti dell’una o dell’altra e ciò porta ad inimicarle tra di loro.

Il saggio della Giovannelli è illuminante per tre semplici motivi. Il primo motivo risiede nell’eleganza e nello stile con cui ha scritto l’opera, poiché riesce a trattare la tematica del rapporto tra sorelle senza cadere in stereotipi o robe già sentite. Ella parla di sorelle di sangue, di sorelle di carriera, di sorelle di penna, di sorelle di qualsiasi genere, toccando ogni variante possibile di questo rapporto. Tale legame conflittuale, emozionale, inquieto ed instabile il più delle volte, viene analizzato con molta cura nei capitoli qui presenti prendendo spunto da storie ed opere più o meno famose agli occhi di tutti. Il secondo motivo del successo di quest’opera sta nella radice comune che vi è in ogni storia ovvero la diversità. Non troverete nessun rapporto tra sorelle uguale all’altro, ogni sorella è protagonista di un mondo variante e a sè, un mondo tutto proprio, irriducibile ed unico. La particolarità sta nel seguire l’evolversi del rapporto dall’infanzia sino alla maturità e notare i notevoli cambiamenti. Possiamo apprendere molto dal rapporto tra sorelle narrati nei miti o negli scritti della letteratura straniera. Infine, il terzo motivo risiede nella postfazione di Helen Brunner, in quanto dona un tocco in più all’opera. La sua storia è così vera e toccante che mi ha portato a ripensare al mio rapporto per ricercare un evento tanto significativo. In apparenza anche dei piccoli gesti così semplici come fare una marmellata possono rivelarsi utili e memorabili. 

Un libro frizzante, genuino e scorrevole che porta a riflettere sul rapporto tra sorelle che viviamo o vediamo intorno a noi. Da sempre il rapporto con mia sorella è molto conflittuale, sia per scelte di vita, sia per indole caratteriale. Tuttavia, non ho mai fino ad oggi cercato esempi in letteratura per spiegarlo, vuoi perché non ho mai trovato un esempio adeguato e vuoi anche per disinformazione. Grazie, al saggio della Giovannelli ho appreso molte cose che magari mi potevano sfuggire e quindi, posso vedere ad oggi il rapporto con occhi diversi. Ci si pone magari domande che prima non erano nemmeno nella nostra mente. Con ciò non voglio dire che esso sia da prendere alla lettera o da considerare come un testo psicologico ma che attraverso la narrazione di vicende tra sorelle famose si può capire più il proprio rapporto personale. Quindi, ve lo consiglio anche solo per curiosità visto che è un tema ad oggi messo da parte e che invece, andrebbe approfondito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...