“La felicità arriva quando scegli di cambiare vita”- Raphaelle Giordano

Titolo: La felicità arriva quando scegli di cambiare vita
Autore: Raphaelle Giordano
Pagine: 304
Anno: 2017
Editore: Garzanti Editore

“Un uomo deve essere abbastanza grande per ammettere i propri errori, abbastanza intelligente per imparare da essi e abbastanza forte per correggerli”.

Sulla scia della tematica già affrontata nel suo romanzo, che ho recensito mesi fa (qui trovate la recensione La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola- Recensione ), Raphaelle Giordano torna a donarci dei suggerimenti su come cambiare la propria vita. In questo caso la protagonista della storia è Romane, una giovane ragazza che di professione combatte l’arroganza, sentimento ormai diffuso ai giorni nostri. Ella è convinta che praticando la gentilezza, il mondo sarebbe un posto migliore. Per tale ragione, Romane attraverso un percorso composto da varie sedute insegna come abbandonare l’arroganza ed abbracciare uno stile di vita differente. Ed è qui che si inserisce Maximilien Vogue, manager di una nota azienda che si ritrova per caso al corso di Romane. Dal principio, egli mostrerà dei dubbi sui modi di fare di Romane ma pian piano imparerà a ricredersi.

La felicità arriva.jpg 3.jpg

“In una storia d’amore nessuno ti chiede di essere all’altezza, ma solo di essere fedele a ciò che sei e di permettere al partner di entrare nel tuo mondo… L’universo farà il resto”.

La felicità arriva quando scegli di cambiare vita esplicita tutto il suo significato sin dal titolo. Come fu per l’altro romanzo, l’autrice si imbarca nuovamente sulla nave del cambiamento in questo caso l’eroina di turno è Romane. Romane è una donna intraprendente che sa cosa vuole dalla vita e ha sconfitto l’arroganza per tale motivo vuole aiutare il prossimo a seguire il suo stesso cammino. I consigli dati da Romane possono apparire banali per quanto alla radice siano semplici ma sono tutt’altro che facili d’applicare, ci vuole forza di volontà e spirito di cambiamento. Alla base del suo programma vi è lo spirito di sacrificio, l’abbandonare il proprio stile di vita arrogante per ottenere la felicità. Spinti dalla curiosità, i suoi “allievi” si metteranno in gioco per farsi guidare da Romane in un cammino fatto di cura ed attenzione. Romane come una maestra insegna agli iscritti al corso come imparare a riapprezzare la bellezza della quotidianità: la cura di un fiore, il silenzio, la compagnia di un animale domestico. Solo così si potranno apportare degli stravolgimenti alla propria vita, cosa di cui non era cosciente Maximilien. Egli è il tipico uomo in carriera, devoto al potere e al successo negli affari e con le donne. Non conosce cosa sia l’amore o perlomeno non gli interessa, troppo preso da sè stesso e dai suoi bisogni per accorgersi pure delle esigenze di Julie, la sorella. Grazie, a Romane egli comprenderà quanto stava perdendo della sua stessa vita e cos’è realmente importante. Maximilien rappresenta la figura dello scettico che inizia un cammino in maniera inconscia e per i motivi sbagliati, solo dandosi del tempo e sbagliando apprenderò il vero significato del percorso intrapreso. 

“La vostra vita è come voi la volete”.

La felicità arriva.jpg 2.jpg

Il libro della Giordano è estremamente delizioso e scorrevole, esso presenta un linguaggio diretto e semplice, il tutto contornato da uno stile romanzesco-narrativo. Io stessa son rimasta molto colpita per aver ritrovato la stessa carica positiva che mi aveva trasmesso il suo primo romanzo. I lettori vengono catapultati in queste sedute fatte di messaggi importanti e consigli da tenere in considerazione. Romane non afferma che sarà semplice essere buoni e pazienti ma insegna a tenere a bada gli istinti. In maniera elegante ed entusiasmante ci presenta dei metodi di rilassamento e scoperta del proprio sé che portano i componenti del gruppo a rivedere alcuni dei comportamenti messi in atto. Tra i punti di forza del romanzo vi è il fatto che il gruppo che segue Romane è composto da membri diversi tra loro, quindi, l’eterogeneità del gruppo permette al lettore di trovare un personaggio nel quale rispecchiarsi. Si possono vagliare diverse situazioni, permettendo al lettore di entrare in empatia con le storie e i caratteri di ognuno. 

“Non guardare ciò che è contrario al bene; non ascoltare ciò che è contrario al bene; non dire ciò che è al contrario al bene; non fare nulla che sia contrario al bene”.

Profondo, pungente e a tratti anche ironico, il libro di Raphaelle Giordano ha molto da dare al lettore se egli si lascia guidare dalla storia. Il lettore potrà scoprire molto di sé se metterà in atto i consigli racchiusi nel volume. Inoltre, di grande effetto la piccola biblioteca dell’arroganza/anti-arroganza contenuta a fine volume. Consiglio ai miei lettori questo libro per farsi un’idea su come cambiare la propria o anche solamente per passare un paio d’ore piacevoli di fronte ad una lettura significativa ma non troppo impegnativa. 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...