“Il bambino silenzioso”- Sarah A. Denzil

Titolo: Il bambino silenzioso
Autore: Sarah A. Denzil
Pagine: 347
Anno: 2017
Editore: Newton Compton Editori

“E allora perché sospettavo di chiunque? Perché improvvisamente credevo che Amy, una donna minuta e timida, potesse aver sequestrato mio figlio? La risposta era semplice: cominciavo a credere che la gente fosse capace di tutto. La gente è fatta a strati. Ognuno può avere un lato privato in bilico sull’orlo dell’oscurità e del pericolo. Il tuo dottore può essere un sadico. Il tuo insegnante un pedofilo. Il tuo estetista un assassino. Chiunque può essere qualsiasi cosa”.

Il libro che ospiterò oggi nel mio blog è edito dalla casa editrice Newton Compton Editori dal titolo “Il bambino silenzioso” di Sarah A. Denzil. Questo libro è considerato un bestseller sia in Inghilterra, sia negli Stati Uniti ed è in corso di traduzione in 15 paesi. E’ una storia di perdita e di speranza; la storia dell’amore di una madre e della malattia di una cittadina; è la storia di un bambino curioso ed impaurito al quale viene sconvolto il mondo. Passiamo alla trama.

La storia è ambientata nell’estate del 2006, Emma Price era lì quando fu ritrovato il cappotto rosso di suo figlio Aiden, un bambino di sei anni, lungo il fiume Ouse. La scomparsa di Aiden fu la notizia e la tragedia dell’anno: Aiden era sparito durante un alluvione, da scuola ed era accaduto nel fiume, annegandoci. IL suo corpo non è stato mai rinvenuto. Passano dieci anni ed Emma si rifà una vita: si separa da Rob, si sposa con Jake e rimane incinta ma succede qualcosa d’inaspettato. Aiden ritorna. Ormai adulto, Aiden appare traumatizzato con un corpo che parte da sè. Emerge una profonda verità: Aiden non è annegato nel fiume, è stato rapito. La polizia, Emma e tutti i familiari inizieranno le ricerche per capire chi ha potuto compiere un getto così orribile. 

Sarah A. Denzil con uno stile narrativo riesce a mettere un thriller mozzafiato che riesce a tenere incollato il lettore a ogni singola pagina. Alla fine di ogni capitolo, ti ritrovi ad iniziarne un altro, presa dalla curiosità di scoprire chi è il colpevole. Una storia coinvolgente che non lascia nulla al caso e non appare mai scontata. Un thriller che si appresta a scoprire il colpevole, che verrà svelato solo nelle ultime pagine, stupendo il pubblico lettore. La storia del piccolo Aiden porta il lettore di fronte ad una profonda verità: Ognuno di noi nasconde una maschera è il nemico può esserti anche molto vicino. Ci si chiede come possa annidarsi tutto questo male in una piccola cittadina, dove pian piano le maschere di ognuno cadono giù. L’unico personaggio vero è Emma, una donna che è diventata madre troppo presto che non sapeva come fare a crescere un figlio e che soffre per la sua scomparsa. Come sempre i media ne approfitteranno per dipingerne su un quadro di una donna devota all’alcool e troppo giovane per educare il proprio figlio. Emma lotterà sino alla fine di questa storia, per far comprendere di non essere pazza, dimostrando di essere forte e decisa. Emma è una donna sicura di sè, devastata dal dolore della scomparsa del figlio e speranzosa di ritrovarlo. Quando ciò accade, la sua vita viene sconvolta e il castello di carte che si era apparentemente costruito crolla. L’uomo che ha accanto non è chi crede che sia, la sua migliore amica non è la donna con cui è cresciuta e suo figlio non è quello che lei ricorda. Ella dovrà fare i conti con una nuova realtà ed aiutare il figlio a riadattarsi al mondo.

Eppure Aiden era vicino, così vicino che potevo quasi vederlo in piedi nell’ombra accanto alle cassette postali e al tavolo.
Il bambino silenzioso è uno di quei thriller che si legge tutto d’un fiato. Per tutta la durata del romanzo, il lettore non farà altro che chiedersi: Chi gli ha fatto tutto questo? Chi ha potuto portare via un bambino e tenerlo lontano per tutti quegli anni? Cosa ha dovuto subire? La Denzil ha uno stile che cattura e riesce a comunicare al lettore le emozioni di ogni personaggio, mantenendo alta la tensione. La storia di Aiden è una storia che può rispecchiare molte delle storie di cronaca nera che si sentono al telegiornale, quindi appare al pubblico lettore molto veritiera; riescono così a calarsi nel romanzo totalmente. La fitta rete di segreti intessuta dall’autrice riesce a far emergere pian piano i lati oscuri di tutti, portando a galla oscuri segreti. Inoltre, la lettura è resa convincente dai continui colpi di scena che donano pathos e suspence alla storia, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. 
Consiglio la lettura di “Il bambino silenzioso” perché con il suo stile semplice riesce a presentare una storia che può essere definita un capolavoro. Vi è un filo sottile che lega tutti i personaggi con le loro mille sfaccettature ed è qui che spicca Emma simbolo della madre coraggiosa pronta a tutto per suo figlio Aiden, simbolo a sua volta del bimbo maltrattato e che ha subito ingiustizie. Il silenzio di Aiden ha un effetto angosciante e straziante, anche se sembra comunicare qualcosa in maniera sottile ma nello stesso tempo profonda. Anche se marginalmente il ruolo di Rob è da attenzionare, poiché il padre come la madre soffre per la perdita del figlio ma come dirà più volte lui, viene ricordato solo il dolore della donna. Non mi resta che augurarvi buona lettura. 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...